Rifondazione Novara

Ancora repressione a Novara per la manifestazione del 18 marzo

Quando una manifestazione autorizzata diventa adunanza sediziosa, due studenti denunciati...

COMUNICATO IN RISPOSTA ALLE DENUNCE

Eravamo convinti che una manifestazione autorizzata dalla questura e svoltasi regolarmente senza incidenti, fosse “una manifestazione autorizzata dalla questura e svoltasi senza incidenti”. Abbiamo invece scoperto che due partecipanti al corteo per la libertà di dissenso, svoltosi a Novara sabato 18 marzo, sono stati denunciati con capi di imputazione come adunanza sediziosa e istigazione a disobbedire alle leggi, il tutto in concorso.
Fa specie scoprire che tutti noi abbiamo partecipato ad un'iniziativa, peraltro regolarmente autorizzata, in cui si è configurato (dalle 14.30 alle 17.00, secondo la questura) il reato di “adunanza sediziosa”. Inoltre ci chiediamo quale tipo di incitamento alla disobbedienza sia stato consumato.
Ricordiamo che la mobilitazione che ha dato luogo al corteo del 18 marzo a Novara partiva da un appello firmato da molte associazioni e gruppi politici contro il clima di repressione instaurato anche nella nostra città per volere della Questura.
Il sospetto di trovarci di fronte ad un caso di sonno della ragione ci ha assalito.

Osservatorio novarese sulle nuove destre
Circolo Zabriskie Point
Collettivo ContaminAzione
NovarArcobaleno
Movimento NO F35 del Novarese
Unione Sindacale di Base Fed. Di Novara
Unione degli Studenti Novara
Partito della Rifondazione Comunista Novara
Partito Comunista Italiano Novara
Partito Comunista Novara